domenica 22 marzo 2009

ricami facili


Da piccola avrei voluto imparare a ricamare, ma il fatto di avere in casa due ricamatrici sopraffine, mia madre e mia zia, che volevano insegnarmi, è stato alla fine controproducente. Vi chiederete perché. Il fatto è che qualsiasi tentativo io facessi non mi soddisfaceva perché non reggeva minimamente il confronto con quello che "le mie maestre" riuscivano a fare. I loro ricami erano puliti, perfetti tanto da sembrare dipinti. I miei al confronto sembravano...orme di galline, semplicemente orrendi! Ogni tentativo mi scoraggiava sempre di più. Inutilmente mamma e zia continuavano a ripetermi che ci voleva pazienza e tanto esercizio.



Finii per smettere perfino di provarci e cominciai a dedicarmi più assiduamente all'uncinetto e alla maglia, arti in cui ero decisamente più promettente.



Solo moltissimi anni dopo, praticamente pochi anni fa, mi sono riavvicinata al ricamo. Ho imparato il punto croce facendo questo tentativo, ovviamente monocromatico:






Piano piano mi sono appassionata, ho comprato decine di riviste e perfino un'enciclopedia. Ora posso dire di essere discretamente brava. Più avanti posterò altri lavori a punto croce, per la maggior parte realizzati per il corredo di mia figlia (eh sì, da noi si usa ancora prepararlo).


Dopo qualche tempo, un'altra bidella dalle mani d'oro mi ha fatto scoprire il punto filza (di recente ho scoperto che le amiche ricamatrici brasiliane lo chiamano bordado em vagonite). Ho provato e mi è piaciuto tantissimo, perché è ancora più facile, veloce e distensivo del punto croce. Con un po' di buon gusto nell'accostare i colori si ottengono lavori molto gradevoli. Questo è stato il mio primo tentativo:


Spero che dalla foto si apprezzino le tre diverse sfumature di verde. Rispetto allo schema originale io ho apportato una modifica: ho ripetuto il disegno a specchio e l'effetto è ancora più bello.

Questa tecnica è decisamente meno popolare del punto croce e quindi non è stato facile procurarmi schemi sempre nuovi. Però quelli che avevo, fotocopie di una vecchia pubblicazione, li ho quasi consumati a furia di lavorarci su, modificarli, cambiare le sfumature di colore. A proposito i risultati migliori si ottengono proprio usando tonalità diverse dello stesso colore disposte dalla più chiara alla più scura o viceversa.


Pochissimo tempo fa ho finalmente trovato in edicola uno speciale del mensile Mani di fata dedicato al punto filza e quindi potrò realizzare nuovi lavori. Quelli che ho già ricamato ve li farò vedere di tanto in tanto.


Da un po' di tempo mi frulla per la testa di provare con il punto Assisi, una variante del punto croce. Prima o poi...



5 commenti:

Silvia Graziolli ha detto...

Ciao Rosa, você entende quando escrevo?
Você usa o google para traduzir?
Senão posso arriscar alguma coisa em italiano...
Um abraço,
Sílvia

Rosa ha detto...

Cara Silvia, leggo sempre con piacere i tuoi commenti e riesco a capirli abbastanza bene grazie alla somiglianza delle nostre due lingue. Uso il traduttore solo per alcune parole. Ormai conosco tantissime parole in portoghese, ma non sono ancora in grado di scrivere nella tua lingua. Preferisci che ci provi usando il traduttore o anche tu riesci a capire l'italiano?Fammi sapere.A presto, Rosa

Quinha ha detto...

Ciao Rosa...
So che il tuo blog è molto bello.
Vorrei piuttosto essere amici con voi.
So che in italiano bainha aberta si chiama il punto a giorno.
Ho alguno libri il Maria Pia Gaiart e anche Mani di Fata.
Grazie per la visita a mio blog.
Dispiace il mio italiano è molto povera.
Buona settimana per voi.

Bacio

silvana ha detto...

ciao rosa, sono silvana del blog "lana e cotone", ti ho visto tra gli amici che mi seguono e sono venuta a trovarti, e' un piacere conoscerti, mi piace il tuo blog, i tuoi lavori sono molto belli. Ho letto che sei un insegnante, cosa insegni di bello?perdona la mia curiosita', ma dato che questo lavoro ci accomuna mi sono permessa di chiedertelo!un saluto, silvana.

Genny graziella ha detto...

quante belle cose ho visto sul Tuo blog.....Ti seguo.....a presto...abbraccio