lunedì 14 marzo 2016

Biscotti "dormienti" pugliesi da colazione

Questa è una di quelle ricette preziose, da custodire nel proprio quadernetto delle ricette meglio riuscite. Sono davvero contenta di averla trovata e provata. Thanks to Pinterest!
Si tratta  di biscotti da colazione che appartengono alla tradizione pugliese. Vengono chiamati biscotti "dormienti" perché l'impasto deve riposare dalle dodici alle ventiquattro  ore e questo accorgimento conferisce loro una friabilità e una consistenza perfette per l'inzuppo.
Io ho provato la versione originale di un ragazzo pugliese trovata su cookaround, solo che ho sostituito metà della farina 00 con farina integrale, ho diminuito l'olio
a 150 g e lo zucchero a 300 g. Inoltre  ho aggiunto  la buccia grattugiata di due limoni biologici . Il risultato è stato ottimo! Per modellare bene i biscotti troverete delle dritte su questo post di Taly.
Successivamente io ne ho creata una versione  utilizzando una miscela di farine diverse, ma di questa ricetta parlerò in uno dei prossimi post. Intanto ecco la foto dei miei primi biscotto "dormienti".


Sono belli grandi e fate attenzione perché in cottura crescono abbastanza. Ma ovviamente nulla vieta di farli un po' più piccoli. Non preocupatevi per l'odore di ammoniaca che emanano appena si apre il forno. Svanirà completamente dopo averli fatti raffreddare.

5 commenti:

dolcezzedimamma ha detto...

Vero,vero! Li ho fatti pure io,grazie alla tua "dritta" e sono volati in un soffio!

Assia ha detto...

che buoniii

Andreina ha detto...

non li conosco, però sono sicura che sono buoni....

Gabriella Garbarino ha detto...

Che belli! Ma l'impasto va lasciato a riposare fuori dal frigorifero anche se ci sono le uova?

Rosa ha detto...

Sì Gabriella. La ricetta tradizionale dice così. Penso che la quantità di zucchero contenuta nell'impasto impedisca che possano svilupparsi batteri.
Grazie del commento e a presto!