mercoledì 9 dicembre 2015

Pasta e lenticchie della nonna Caluzza

Solo cari ricordi. Faceva così una vecchia canzone dei Pooh. Sarà l'età che avanza, ma divento sempre più attaccata ai ricordi. 
Un ricordo legato  alla mia infanzia è il sapore della pasta e lenticchie di mia nonna Caluzza. Si chiamava Calogera, ma tutti le facevano la grazia (!) di chiamarla Caluzza. Era speciale mia nonna e cucinava una pasta e lenticchie speciale, con un ingrediente particolare, che oggi vi svelerò.
Vi raccomando di provarla questa ricetta. Non ve ne pentirete.

Pasta e lenticchie di nonna Caluzza



Ingredienti
Pasta tipo ditalini o pasta piccola a piacere, circa 40 g a persona
lenticchie, grandi o piccole a vostro gusto, circa 40 g a persona
poca cipolla
castagne secche, un bel pugno
sale
olio e.v.o.

Partiamo proprio dall'ingrediente che rende così particolare questa pasta e lenticchie: le castagne secche, che al mio paese si chiamano "pastigghi".  Avreste mai pensato di trovarle in una minestra? Eppure vedrete come si sposa bene col sapore delle lenticchie.
Comprate castagne secche morbide (oltre a salvare i vostri denti abbrevierete la preparazione della ricetta), altrimenti mettete a bagno per qualche ora, anche tutta una notte,  le castagne secche dure.
In una pentola mettete le lenticchie sciacquate e la cipolla tritata o a fettine sottili, come preferite. Aggiungete le castagne e coprite abbondantemente con acqua. Fate cuocere e quasi a fine cottura salate e aggiungete la pasta. A cottura utimata impiattate e condite con olio e.v.o.
Le castagne si saranno quasi disciolte e daranno alla pasta un gusto divino. Si possono aggiungere anche alle minestre con altri legumi.

Certo, quando non ho in casa le castagne secche preparo la minestra con le lenticchie in un altro modo, metto cipolla, carote e sedano a dadini e un po' di pomodoro fresco o concentrato. E' buona, ma è tutt'altra cosa. Questa è la pasta e lenticchie che mi ha lasciato la nonna. Vogliamo mettere? Grazie nonna. 


3 commenti:

dolcezzedimamma ha detto...

Io la faccio alla seconda maniera, ma la ricetta di tua nonna mi incuriosisce. ...e poi ha il sapore dell'amore e del ricordo

Andreina ha detto...

non conosco questa ricetta, dev'essere buona....

Gabri Ercole ha detto...

Di sicuro un ottima ricetta molto gustosa,ma ci credi che non ho mai mangiato le lenticchie?bacioni